Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Il bitto in alpeggio
Clan VALTELLINA

dom 7 luglio @ 10:30 - 15:00

€45

L’opportunità di vedere un alpeggio del bitto storico ribelle in azione. Grazie all’organizzazione del Clan VALTELLINA di Whisky Club Italia, domenica 7 luglio 2019 andremo al Passo San Marco a visitare l’alpe ORTA SOLIVA.

Camminando tra le bestie, che saranno lì attorno, il casaro Dino Papini con il figlio Stefano ci racconterà cosa è nel 2019 la vita in alpeggio. La casera Orta Soliva (1723 m slm) si trova lungo la strada che da Morbegno porta al passo San Marco (SP 8), circa tre km prima di giungere al passo stesso.

Assaggeremo lo storico ribelle giovane, stagionato, il casera e la mascherpa d’alpe, ovviamente abbinati a tre whisky. A seguire pranzo con salumi, capretto e polenta. Gli spazi per i parcheggi e in casera sono davvero molto ristretti, l’evento sarà limitato ad un massimo di 25 persone e non potremo gestire menu alternativi a quello proposto.

Nel bicchiere:
– Una botte intera di birra (Lowenbrau original)
– Ballantines 17 anni (dalle cantine del Pedro)
– Laphroaig 10 anni cask strength batch 009, 58.1%
– Grappa Pilzer 85 mesi in Islay Cask, 43% (selezione Whisky Club Italia!)

La giornata si svolgerà all’aperto, in caso di previsioni di maltempo l’evento verrà annullato e le quote rimborsate.

Per informazioni:
dram@whiskyclub.it
800 145588

Prenotazione obbligatoria su whiskyclub.it.



Lo Storico Ribelle www.formaggiobitto.com viene prodotto esclusivamente nei mesi estivi in alpeggio: il bestiame costituito da vacche da latte ( tradizionalmente di razza bruno alpina) e da capre (di razza orobica autoctona della Valgerola) viene condotto sui pascoli nel mese di giugno e vi resta, condizioni climatiche permettendo, fino al mese di settembre.

I bovini e i caprini si nutrono esclusivamente del pascolo alpino, da disciplinare infatti è vietato integrare l’alimentazione con mangimi e insilati; l’ambiente delle prealpi Orobie, per esposizione, per la abbondanza di corsi d’ acqua e per le variazioni altimetriche, presenta una varietà floreale che conferisce al latte proprietà nutrizionali di qualità superiore.

La biodiversità dell’ambiente montano, i suoi profumi ed aromi, conferiscono caratteristiche organolettiche uniche a ciascuna forma di Storico prodotta nei 12 alpeggi del Consorzio di Salvaguardia.

L’alimentazione agisce positivamente sugli aspetti qualitativi del latte rendendolo ricco di acidi grassi poli-insaturi e di un acido grasso essenziale della serie omega 3, entrambi noti per gli effetti benefici sulla nostra salute.

Questo latte straordinario viene ottenuto mungendo bovini e caprini due volte al giorno: la prima mungitura alle 6.00 del mattino e la seconda intorno alle 16.00. Il latte viene lavorato immediatamente dopo la mungitura, in una struttura chiamata “calècc”, che funge da caseificio adiacente al pascolo. E’ importante lavorare il latte sul posto per evitare sia contaminazioni batteriche che alterazioni causate dal trasporto.

Nel “calecc” si trova la tradizionale “culdera” un grande paiolo in rame a forma di campana rovesciata che può pesare fino a 50 kg, dove al latte vaccino appena munto e ancora caldo viene aggiunta una percentuale ( 10-20%) di latte caprino. Il latte viene riscaldato nella “culdera” posta sul focolare a legna attraverso un paranco girevole in legno detto “màsna”, fino a raggiungere una temperatura di 35-37° C.

Tolta la “culdera” dal fuoco, si aggiunge il caglio di vitello per la coagulazione del latte; la massa di latte coagulato detta cagliata viene poi rotta molto finemente con uno strumento chiamato “spìgn”. Si tratta di un bastone in legno dotato di fili metallici all’estremità che permettono di rompere la cagliata fino a raggiungere la dimensione di un chicco di riso.

Dopo questa operazione la “culdera” viene rimessa sul fuoco a legna e portata alla temperatura finale di 50-52°C, nel giro di due ore. Raggiunta questa temperatura, il casaro estrae la pasta di formaggio attraverso un telo in lino e la pressa nelle fascere in legno circolari di diametro regolabile di circa 50 cm, che conferiscono il caratteristico scalzo concavo. La pasta pressata dentro le “fascere” viene posta su un piano in legno leggermente inclinato detto “spresùn”, che permette al siero presente nel formaggio di defluire attraverso canaline di scolo.

Nella “culdera” a questo punto rimane il siero di lavorazione del latte che verrà utilizzato per la produzione della mascherpa.

L’attrezzatura utilizzata è prevalentemente in legno perchè i produttori di Storico lo ritengono indispensabile per la sua caratteristica insostituibile di porosità e di traspirabilità, che permette al formaggio, durante la formatura e la salatura a secco, di asciugare e di respirare. Inoltre tutta l’attrezzatura tradizionale in legno è fondamentale per mantenere le caratteristiche di tipicità di ogni alpeggio, dovute in parte alla microflora che vi si instaura, creando una barriera contro l’insediamento di altri microbi anticaseari. La maturazione inizia nelle “casere d’Alpe” e si completa nella Casèra di Gerola Alta, sfruttando il naturale andamento climatico della zona di produzione.

La maturazione deve essere protratta per almeno settanta giorni per ottenere lo Storico formaggio delle Orobie.

Biglietti

Tickets are not available as this evento has passed.

Dettagli

Data:
dom 7 luglio
Ora:
10:30 - 15:00
Costo:
€45
Categoria Evento:

Organizzatore

WhiskyClub Italia
Telefono:
800.145588
Email:
dram@whiskyclub.it
Sito web:
www.whiskyclub.it

Luogo

Alpe Orta Soliva
Sulla S.P. 8, salendo da Morbegno 3 km prima di arrivare al passo San Marco
Albaredo, SO Italia
+ Google Maps

@2019 WhiskyClub Italia - Partita IVA 02436490136
WhiskyClub Italia invita a un consumo responsabile.